Potatura siepe alloro

In giardino o in campagna le siepi sempreverdi sono le più usate. Su tutte troviamo le siepi di alloro, tipicamente mediterranee. L’albero di alloro, noto anche come lauro, è una specie molto diffusa nel nostro paese.

Si tratta di una pianta utilizzata sin dall’antichità non solo per le sue qualità estetiche ed ornamentali, ma anche per le sue straordinarie proprietà terapeutiche oltre che per gli usi fatti in cucina.

Coltivare siepi alloro nel proprio giardino di casa è davvero semplice. L’alloro, infatti, è una pianta molto resistente che non richiede particolari cure o attenzioni, in quanto si adatta facilmente al clima caldo in estate, e a quello rigido d'inverno, quando mantiene tutte le sue foglie.

In quest’articolo potrai conoscere meglio le caratteristiche botaniche più importanti dell’alloro, e scoprire come potare una siepe di lauro correttamente.

Quali caratteristiche hanno le siepi di alloro?

Il nome scientifico dell'alloro è Laurus nobilis ed è una pianta aromatica sempreverde che appartiene alla famiglia botanica delle Lauraceae, genere laurus. L'alloro però non va confuso con il lauroceraso, una specie sempreverde che possiede un ritmo di crescita superiore.

La pianta di alloro è una un arbusto sempreverde perenne che, se lasciato vegetare liberamente, può raggiungere anche l’altezza di 10-12 metri.

Le principali caratteristiche di una siepe d'alloro sono:

  • Il tronco è eretto e liscio con corteccia verde scuro;
  • La chioma è allungata ed ha una forma piramidale, si presenta molto folta e densa di fogliame;
  • La ramificazione è fitta e i rami dritti;
  • Il legno del tronco è aromatico, così come le foglie;
  • L’apparato radicale è espanso, ovvero le radici vanno in profondità nel terreno;
  • Le foglie sono ovali, spesse, di colore verde brillante, lucide in superficie e con i margini seghettati. Possono essere lunghe 6-9 cm e larghe 4-6 cm;
  • I fiori sono di un bel colore giallo chiaro, sono riuniti in piccoli grappoli e compaiono generalmente in primavera, tra marzo e aprile;
  • I frutti dell’alloro sono composti da piccole bacche nere, che somigliano alle olive, al cui interno c’è un solo seme. Maturano solitamente tra ottobre e novembre;
  • Non è un albero molto longevo.

Come mettere a dimora l’alloro in siepe

La siepe di alloro è una pianta rustica molto resistente, che si adatta a diverse temperature e climi, pur preferendo quello costiero e collinare, e che cresce bene in quasi tutti i terreni, tanto che la si può tranquillamente piantare anche in vaso oltre che in giardino.

Quanto al posizionamento, la pianta preferisce i posti soleggiati, ma cresce perfettamente anche in angoli più bui. L’importante è che sia sempre protetta dai venti troppo forti.

Per la messa a dimora dell'alloro è necessario:

  • Scegliere un terreno drenato, fertile e ben concimato;
  • Scavare le buche dove piantarlo ad una certa distanza l’una dall’altra;
  • Innaffiare regolarmente la pianta, evitando ristagni d’acqua che sono dannosi;
  • Piantare a fianco dei filari di alloro dei paletti di legno per avere un’altezza regolare quando si effettua la potatura;
  • Potare l’alloro regolarmente, soprattutto alla fine della stagione invernale.

Come potare una siepe di lauro

La potatura di una siepe di lauro è fondamentale per mantenere sempre sana la pianta. Per questo è un operazione da fare con una certa regolarità. Se potata con attenzione e curata correttamente la siepe di alloro può durare anche moltissimi anni.

Passaggi da seguire nella potatura di una siepe di lauro:

  1. Rimuovere le foglie, i rami secchi o danneggiati e le parti che superano l’altezza desiderata o che si espandono oltre i confini del proprio giardino;
  2. Effettuare i tagli utilizzando sempre le cesoie, non le forbici, in modo da avere tagli netti e non danneggiare la struttura della pianta;
  3. Se si tratta della prima potatura della pianta, farla alla base così da renderla più folta. Nel caso di una siepe giovane però la potatura basale va effettuata solo se presenta radici forti;
  4. Procedere alla cimatura che consiste nella rimozione dei germogli situati alle estremità dei rami per favorire la rinascita di nuovi getti: questa operazione va fatta in concomitanza della potatura autunnale;
  5. Dopo la potatura, fare attenzione a ripulire l’area da rami e foglie secche per evitare che, lasciati sul terreno, producano funghi, virus e batteri alla base della pianta.

Potatura dell’alloro: quando è meglio farla?

Spesso ci si chiede quando potare l’alloro. La potatura delle siepi di lauro va fatta periodicamente, una o due volte all’anno, in modo da riuscire a regolarne la crescita e lo sviluppo vegetativo.

Quando si potano le siepi:

  • Tra settembre e ottobre, in prossimità dell’autunno, prima della comparsa dei getti;
  • Tra marzo e aprile, all’inizio della primavera e prima che cominci il nuovo ciclo vegetativo della pianta.

Vista la rapida ed impetuosa crescita dell’alloro come siepe durante la bella stagione, sarà necessario effettuare l’operazione di potatura anche più volte durante l’estate

Come per ogni intervento del genere, anche per la siepe di lauro la potatura i giusti attrezzi per essere svolta correttamente.

 

Dai un'occhiata alle nostre forbici da potatura:

FORBICI FISKARS BYPASS QUANTUM 111970

FORBICI BAHCO PROFESSIONAL ERGO PX

FORBICI GARDENA DA POTA BP 30 "PREMIUM"

FORBICE BY-PASS VERDEMAX 4189 CON ROTAZIONE 90°